Curcuma

13 apr 5 mosse e 5 ricette per utilizzare la curcuma

Le mode alimentari sono un fenomeno davvero curioso. Se incarna un modo di vivere, di pensare e di essere legato a un’epoca come ad  una società, la moda è per sua stessa essenza effimera, passeggera, fuggevole. Difficile considerare questo effetto positivamente, ma se di moda è il benessere ed il mangiare sano ben venga, non per forza bisogna essere profondi e seriosi nell’affrontare certi argomenti e per quanto mi riguarda l’importante è che se ne parli.

Ultimamente è di moda la curcuma e l’aspetto positivo è che si trova sempre più facilmente il rizoma fresco! La Curcuma longa è una pianta erbacea, perenne, rizomatosa della famiglia delle Zingiberacee, originaria dell’Asia sud-orientale e largamente impiegata come spezia soprattutto nella cucina indiana, medio-orientale, tailandese e di altre aree dell’Asia. Il suo aroma è aroma delicato e volatile, ma il suo colore rimane inalterato nel tempo e per questo motivo viene largamente utilizzato come colorante.

E’ particolarmente impiegata nella medicina ayurvedica e tradizionale cinese per le sue potenti proprietà antinfiammatorie e depurative. La curcuma è un epatoprotettore, stimola le vie bolari e fluidifica il sangue. È anche un ottimo antiossidante e a livello topico svolge un’azione cicatrizzante: non a caso in India viene utilizzata per curare scottature, ferite e punture d’insetto. Protegge dalle malattie da raffreddamento e migliora il funzionamento di stomaco e intestino, combattere il colesterolo facilitando lo smaltimento dei grassi in eccesso.

Come la utilizziamo in cucina? Ecco i miei 5 consigli:

1) UTILIZZATELA FRESCA, MA CON I GUANTI!

Il fatto che sia tanto di moda è una fortuna, perché anche la grande distribuzione si è accorta delle sue potenzialità e, come lo zenzero, è sempre più facile trovare il rizoma fresco anche nei supermercati.  Non dimenticate mai di utilizzare i guanti perché tinge tantissimo e a lungo di giallo e arancione, lavate subito anche i taglieri perché il colore si fissa in un attimo: spelatela e tagliatela a pezzettini oppure grattuggiatela.

2) AGGIUNGETELA AI SOFFRITTI PER DARE UN TOCCO ORIENTALE

Il suo aroma è delicato e deciso e darà una marcia un più alle vostre ricette. Se preparate un minestrone, delle verdure al salto magari accompagnate da quinoa, riso o altri cereali l’abbinamento è perfetto. Nella mia ricetta Capesante alla Marocchina l’ho aggiunta ad un battuto di cipolla, carota e sedano tagliati a piccoli quadretti, darà un tocco davvero orientale al piatto. Interessante anche da usare per le verdure ripene, come le Melanzane di Rotonda ripiene alla quinoa.

3) UTILIZZATELA COME COLORANTE ALIMENTARE NATURALE

Vi racconto un piccolo segreto: io la aggiungo in polvere nella besciamella nelle lasagne vegetariane ed è incredibile quanto possano diventare più belle e gustose. In polvere potete aggiungerla agli impasti, sia nella pasta fresca che per i lievitati: diventeranno un bel giallo brillante e solare.

4) PERCHE’ NO USATELA ANCHE NEI DOLCI

Nella mia ricetta Pere affogate al Moscato, ganache al gianduja, crumble e gelatina ho utilizzato la curcuma per tingere di un bel giallo acceso le pere Williams, basta cuocerle con il vino, sciroppo d’acero,  curcuma e  zenzero freschi. Volendo in polvere va bene anche per gli impasti, dunque in torte lievitate come nelle frolle. Divertitevi!

5) COME POTENZIARNE L’ASSORBIMENTO

In questo interessante articolo ho trovato 4 regole per ottenere i massimi benefici dalla curcuma e come abbinarla. In sostanza:

– meglio abbinarla al pepe (L’aggiunta di un pizzico di pepe nero incrementa del 2000%l’assorbimento della curcumina)

– abbinatela sempre ai grassi (olio di cocco, di oliva, ghee e burro)

– provate il Latte d’oro (sobollire una tazza di latte vegetale nella pentola insieme ad un cucchiaino di curcuma e una spolverata di pepe nero, aggiungigere un cucchiaio di olio di cocco. Mescolare e bere) o il Tè d’oro (far bollire tazza d’acqua, versarla nella tazza insieme ad un cucchiaino di curcuma, una spolverata di pepe nero e una bustina di tè verde, mescolare. Quando la temperatura è giusta per berlo togliere la bustina e aggiungiere un cucchiaio di olio di cocco).

 

 

 

 

 

 

No Comments

Post A Comment

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: