papaia_agglutinata_therollingbeauty_felicelobasso_expo

01 ott Agglutinata ad Expo, grazie al potere della papaya

Sull’Esposizione Universale milanese si è detto, letto e scritto di tutto. Io per prima mi sono trovata davanti ad una macchina organizzativa completamente inceppata, incapace di venire incontro alle classiche esigenze di un qualsiasi addetto ai lavori come reperire informazioni in tempo reale, materiale stampa o accrediti. Come cuoca, giornalista enogastronomica e foodblogger sognavo di essere coinvolta in qualche iniziativa, visto il tema centrale ‘nutrire il pianeta’, ma niente. Ho omaggiato la mia super pink Torta di riso, fragole e papaya al progetto We-Woman for Expo, ma non ha portato a molto e vi confesso che questo disinteresse un po’ mi ha amareggiata. Questo perché, come capita sempre più spesso, se non sei particolarmente di spicco o  introdotto, vieni lasciato nell’angolino delle eccezioni. Poi succede che quando molli il colpo, lasci perdere o rinunci ad un obbiettivo ecco che tutto quello che hai seminato germoglia inaspettatamente..

Così ecco una proposta inaspettata, che mi ha fatto sentire orgogliosa e felicissima di tutti i miei sforzi: l’invito a partecipare ad una piccola sfida culinaria a base di papaya (guarda un po’) e mela rossa contro uno chef stellato, proprio in occasione di Expo. Dopo aver proposto la mia dolce ricetta ispirata ai principi attivi di Chrono Age ecco il frutto del lavoro di Felice Lo Basso*, giovane talento dei fornelli dallo stile raffinato, basato sul rispetto della qualità delle materie prime. Ovviamente non potrei mai mettermi al suo stesso piano, ma è stato divertente accompagnarlo nell’avventura The Rolling Beauty, portandolo a cucinare all’interno di uno scomodissimo foodtruck, lontano dalla sua meravigliosa cucina super tecnologica. L’alta cucina può abbassare le ali ed avvicinarsi al cibo da strada? Certamente, senza mai rinunciare alla qualità ed al gusto, come questa freschissima ricetta che abbiamo presentato assieme. Io ho corso il rischio di prendere fuoco incastrata tra bancone e griglia incandescente, Felice ha faticato senza la sua strumentazione, ma il risultato è stato divertentissimo: la sua insalata Papaya Power ha sedotto tutti i presenti (qui il video della nostra performance, inclusi i commenti)

agglutinata_felicelobasso_expo_papaya_glutenfree

La papaya contiene un’elevata quantità di antiossidanti: Vitamina C, E e beta-Carotene, che proteggono il nostro corpo e la nostra pelle dall’invecchiamento precoce, costituendo un’arma efficace contro i radicali liberi. E’ ricca di fibra e quindi riduce il livello di colesterolo nel sangue: per una maggiore salute del nostro cuore. Infine migliora la digestione e favorisce la perdita di peso e rafforza il sistema immunitario. L’ideale in questo cambio stagione!

La ricetta è semplice, in questo caso ve la propongo con delle alternative casalinghe:

RICETTA INSALATA PAPAYA POWER

– 1 Papaya formosa

– 1 Petto di pollo

– 1 mela rossa

– 50 gr circa insalata misticanza

– 1 vasetto di yogurt magro

– germogli di coriandolo  o coriandolo fresco o erba cipollina

– 1 fetta di pane di grano saraceno (o pane di segale se non dovete evitare il glutine)

– olio evo

– sale Maldon (o sale in scaglie)

Procedimento:

– Pulite bene il petto di pollo e mettetelo in un cestino di bambù per la cottura a vapore, assieme a qualche foglia di salvia e rosmarino. Fatelo cuocere al vapore fino a che non sarà ben cotto, poi mettetelo da parte. Se possedete un roner per la cottura a bassa temperatura deve cuocere 72 ore. Una volta raffreddato tagliatelo a fettine sottili.

– Cercate una Papaya Formosa, sono quelle più grandi (arrivano a pesare anche 1 kg e mezzo) con la polpa leggermente rossastra e dal sapore delizioso: contiene una percentuale più inferiore di zuccheri rispetto a quelle mignon. Se non la trovate al supermercato non dovreste faticare nei grandi mercati o negli store dedicati ai prodotti etnici. Tagliatela a metà e levate i semi con un cucchiaio, poi sbucciatela con un pelapatate. Tagliate delle fettine sottili con un coltello affilato – se la possedete usate l’affettatrice.

– Mescolate lo yogourt con le cimette del cordiandolo o l’erba cipollina tagliata a julienne.

– Assemblate il tutto con un coppapasta ( qui potete vedere come) mettendo all’esterno le fettine di papaya e all’interno pollo e insalata mista.

– Tagliate la mela rossa a fiammiferi ed aggiungetela come se fosse il gioco Shangai, tentando di far salire in altezza l’insalata.

– Concludete aggiungendo yogurt, i germogli di coriandolo, un velo di olio evo e un pizzico di sale.

– Pronta!

 

NB

Ancora grazie, grazie di cuore a Rossella Campisi e Loretta Pizio di Dermophisiologique per la fiducia!! La linea Chrono Age è davvero ottima non solo perché dice No a parabeni, oli minerali, derivati del petrolio, coloranti, profumi allergizzanti e alcol. La trovo ottima per curare il mio nuovo tatuaggio, perfetta perché ripara la pelle danneggiata lasciandola traspirare..

 

 

 

 

No Comments

Post A Comment

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: